Bonus Renzi 80 euro: limiti, rimborsi, esclusioni

In questo articolo spiegheremo che cos’è il Bonus Renzi 80 euro, a chi spetta, quali sono i limiti di reddito e come possiamo chiederne il rimborso.

Che cos’è

Partiamo dai riferimenti normativi. Il bonus 80 euro nasce con il governo Renzi nel 2014. Il decreto denominato Misure urgenti per la competitività e la giustizia sociale (DL 24 aprile 2014, n. 66) ha riconosciuto, da maggio 2014 a dicembre 2014, un credito IRPEF di 640 euro ai lavoratori dipendenti del settore privato.

Successivamente il bonus è stato confermato dalla legge di stabilità 2015 che ha portato l’ammontare del beneficio a 960 euro annuali, i famosi 80 euro al mese.

A chi spetta e come viene erogato

Come dicevamo, il bonus spetta ai lavoratori dipendenti e viene erogato dal sostituto di imposta (il datore di lavoro) direttamente in busta paga. Il bonus è automatico e il lavoratore non deve fare alcuna richiesta per riceverlo.

80 euro alle forze dell’ordine

Dal 2016 il bonus viene erogato anche ai dipendenti delle forze dell’ordine: carabinieri, polizia, vigili del fuoco, esercito, capitaneria di porto.

I requisiti di reddito per ottenerlo

Il bonus viene erogato ai lavoratori dipendenti che hanno un reddito non inferiore a 8.000 euro e non superiore a 26.600 euro.

Se il reddito complessivo è compreso tra 24.600 e 26.600 euro, il credito spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 26.600 euro, diminuito del reddito complessivo, e 2.000 euro.

Esclusioni

Sono esclusi dal Bonus 80 euro:

  • Lavoratori autonomi titolari di partita IVA
  • Pensionati

Il bonus per i percettori di indennità di disoccupazione Naspi

I percettori dell’indennità di disoccupazione Naspi ricevono gli 80 euro che vengono erogati mensilmente direttamente dall’INPS.

Rinuncia al bonus

Chiunque non rientrasse nei requisiti e avesse comunque ricevuto in tutto o in parte il bonus, è tenuto a comunicare all’INPS, tramite il Fascicolo previdenziale del cittadino, di non averne diritto. I bonus ottenuti e non dovuti dovranno essere restituiti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *